La realtà cancella la nostra fantasia,
la tua paura è la stessa mia,
ma poi ti svegli e perdi quel che hai
perché per noi è tardi ormai.

La Vita è andata avanti. Ha superato guerre, carestie, genocidi, ha visto civiltà nascere e declinare nel giro di un battito di ciglia, specie estinguersi come fiamme senza ossigeno. La Vita passerà sopra le nostre, di vite, le supererà senza nemmeno degnarle di un’occhiata, come se fossero state solo un’altro attimo in più nell’eterno scorrere del tempo. E quindi cosa resterà di noi? Forse spettri di risate, di pianti, di suoni. Forse nulla. Cosa ci renderà infiniti, eterni? L’amore, dicono in molti. Io dico che la Vita ci insegna a non permettere mai al tempo di passare senza essere accompagnato da noi.
Don’t watch your life passing by, but let yourself go with her.

Ave atque vale.

Le sue mani si intrecciavano alle mie.
Le sue labbra erano sulle mie.
Mi teneva stretta, come se avesse paura che potessi scappare via da un momento all’altro.
Mi teneva come nessuno aveva mai fatto.
Mi toccava come se fossi veramente l’unica, l’unica che davvero valesse.
Mi guardava con quegli occhi luccicanti, ero lì persa nei suoi occhi, diventavo sempre più dipendente, sempre più dolce.
E’ strano perchè io non sono mai stata una così, ma con lui, con lui era inevitabile, non era perfetto, ma lui era mio, io ero sua, eravamo solo io e lui, esistevamo solo noi, esistiamo solo noi quando siamo insieme e se mi sta lontano mi manca.
Non siamo quelle coppie che si devono baciare in continuazione a noi basta anche solo tenerci la mano un bacio sulla fronte se uno dei due si allontana un attimo, non abbiamo la paura che qualcuno possa andare da un altra persona, no.
Scherziamo, parliamo, ci tiriamo qualche schiaffo, siamo quel’amore che a me fa impazzire.
Torno a casa e respiro il suo profumo sorridendo, senza non aver preoccupazioni, sapendo che lui c’è anche domani, sapendo che lui mi vuole davvero.
I suoi abbracci.
Le sue mani sulla mia pelle.
I suoi baci.
I suoi morsi.
I suoi modi.
E’ proprio lui.
Con lui mi sto ricordando com’è vivere felici.
Con lui ho capito che l’amore esiste, magari devi patire un po’, ma alla fine quando non hai più la speranza, eccolo.
Vorrei che non finisse mai, lo vorrei davvero e lo spero.
Noi siamo azzeccati insieme e lui, lui è la mia felicità, il mio sorriso.
Lui non è la colazione, non è i libri romantici, non è la musica bella, lui è molto di più.
E lui adesso è mio, solamente mio.

Erika De Caro (via decaroerika)

(Source: rika-akire)